handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



 

Bibliografia

Il computer può essere usato per insegnare concetti elementari in modo semplice e divertente: è in questi termini che diviene un ottimo collaboratore nella riabilitazione dei bambini disabili, non certo addentrandosi nella complessita della sua programmazione. Inizialmente è presentato il metodo di "apprendimento senza errori", ripercorrendo le esperienze di Terrace sui piccioni, e le sue possibili applicazioni. In particolare è descritta una possibilità di impiego con bambini di ritardo mentale medio e medio-lieve con disturbi di apprendimento circa il concetto di quantità. In seguito sono illustrate le opportunità offerte dall'uso del computer nell' ambito di una simile strategia didattica. Nell' articolo sono presenti dei riferimenti bibliografici
Autore: Fabio Celi
Data: 1991
 
Come rispondere all'esigenza di predisporre una didattica per recuperare competenze deboli e obiettivi non raggiunti? Cosa fare per recuperare davvero? Se l'intervento didattico mirato al recupero produce certamente un qualche incremento negli apprendimenti di tipo procedurale, difficilmente l'insegnamento basato sull'allenamento e la ripetizione può creare schemi concettuali stabili e stili di pensiero capaci di padroneggiare la complessità di un testo, di una situazione problematica, di un piano di scrittura. Con questo nuovo libro gli AA. si sono proposti di perseguire i seguenti obiettivi: costruire la necessaria competenza pedagogica e metodologica che consenta di progettare percorsi didattici che permettano, anche all'alunno in difficoltà, di accedere al sapere; costruire competenze comunicative e relazionali che rendano i docenti capaci di affrontare le situazioni di diversità senza appiattirle sul deficit; attivare processi alti e migliorare contemporaneamente le abilità tecniche.
 
Il testo parte dal presupposto che sia necessario dare ai ragazzi con Disturbi Specifici dell'Apprendimento la consapevolezza di potercela fare da soli. Questo obiettivo può essere raggiunto sfruttando alcune caratteristiche dell'informatica che può aiutare nella diagnosi e nell'individuazione precoce del deficit, per potenziare le abilità di letto-scrittura e per compensare le difficoltà. Vengono quindi proposti alcuni strumenti e alcune strategie da adattare poi alle situazioni specifiche ma che possono già costituire una traccia di lavoro.
 
Allo Smau, la fiera dell'informatica italiana, è stato presentato nell' autunno del 1987 un sistema particolarmente adatto ai non vedenti: un personal computer in grado di parlare di leggere da un foglio dattiloscritto. Dotato di una scheda contenente un chip per la sintesi vocale, creata dall' ingegner La Ferlita, e di un programma che permette di selezionare ciò che si vuole ascoltare a voce, cui ha collaborato l' avvocato Nardone presidente dell' associazione "Radio Club ciechi d' Italia", l' elaboratore permette di sentire anche l' output della tastiera. Completato da uno scanner, modulo per la lettura dei caratteri stampati, il computer diviene particolarmente adatto per l' inserimento dei privi di vista nel mondo del lavoro. L' avvocato Nardone chiede che il mezzo, del costo attuale di tre milioni di lire, sia inserito nell' elenco degli ausili gratuiti per i disabili
Autore: Rossana Ciani
Data: 1987
 
Il panorama italiano dei media si arricchisce ogni giorno di più: è stata infatti annunciata la pubblicazione della prima enciclopedia per ragazzi su floppy disk (74 più uno per gli indici) o su disco rigido da 32 Mb, equivalente a 15 volumi tradizionali, con in più un buon programma di gestione dati e di aggiornamento. Si chiama Oceanica Bit ed è stata preparata in cinque anni da una equipe di studiosi del Centro Studi Didattico-pedagogici di Padova. Viene presentata insieme al supporto hardware che la fa girare: un personal computer "personality" distribuito dalla Microtek Italia con sistema operativo ms-dos 3.21 che permette di integrare l'enciclopedia con i più noti programmi di video-scrittura (Wordstar. Framework, Simphony) e di gestione archivi. Inoltre sarà dotata di un sintetizzatore vocale e verrà donata alle sedi del Radio Club Ciechi d' Italia per cercare di avvicinare sempre più il mondo dei ciechi a quello dei vedenti. Il progetto prevede un continuo aggiornamento e successivamente l'uscita di una versione su videodisco, con immagini oltre che testi
Autore: AA.VV.
Data: 1988
 
Durante il Convegno di Rimini è stata presentata un'esperienza secondo la quale è possibile utilizzare il 'computer' anche nel recupero di bambini con gravi difficoltà di apprendimento. Questo strumento è stato affiancato alle normali terapie di psicomotricità e logopedia, all' interno delle strutture pubbliche riabilitative. I bambini interessaati sono portatori di handicap cognitivi, cioè presentano soprattutto difficoltà nell' apprendimento della lettura e della scrittura. Secondo la teoria procedurale dell' acquisizione delle competenze, che prende avvio dall' informatica, tali difficoltà di apprendimento sono interpretabili come errori nell' applicazione di alcune procedure cognitive generali. L' errore, tuttavia, va analizzato e compreso a fondo, perchè proprio attraverso di esso si arriva a sviluppare nel soggetto una data abilità. Si può utilizzare, così, la costruzione di algoritmi e diagrammi a blocchi nella comunicazione didattica, per guidare lo sviluppo delle capacità logiche di base, con fini di espressione, previsione e azione diretta sulla realtà. In particolare, possono essere risolti i problemi di linguaggio, soprattutto il passaggio da significante a significato, mediante i linguaggi artificiali. In generale, un'impostazione didattica deve considerare le differenze tra i bambini nei ritmi di apprendimento, nello sviluppo mentale e le diverse capacità di ritenzione individuali. Dopo aver elaborato una diagnosi sull' handicap, l' insegnante può predisporre itinerari individualizzati, basati sulle esigenze di sviluppo specifiche del singolo bambino. Nell' esperienza citata sono stati utilizzati, ad es., lo "structured reinforcement" (per la rilevazione oggettiva delle conoscenze, la registrazione dei progressi e dei risultati, ad es. nella balbuzie ed altre difficoltà di lettura), i "mathematical skills" (per le abilità logico-matematiche), i video-giochi (per la capacità di previsione, la motricità fine, il coordinamento) e il "word processing" (molto positivo soprattutto nei suoi ultimi sviluppi)
 
La necessità quotidiana di comunicare trova la sua migliore realizzazione nell'uso della parola: qualora tale canale non sia utilizzabile la comunicazione si rivela un problema grave e reale. La "comunicazione alternativa" si occupa di realizzare tecniche che permettano di soddisfare tali necessità. In questo articolo si presenta una di queste tecniche, il Metodo Bliss (MB), che utilizzando una serie di simboli iconografici permette a persone afasiche di comunicare attraverso un computer. Tutti i simboli, detti Blissymbol, sono raggruppati in una tabella cartacea usata nella comunicazione, e la loro sequenza è la frase che l' interlocutore sarà in grado di decifrare, grazie al significato in linguaggio naturale
Autore: Lorella Colombini
Data: 1991
 
L'A. affrontra i problemi connessi all'apprendimento del linguaggio informatico da parte di alunni sordi. Sostiene la necessità di utilizzare insieme linguaggio orale, scritto e lingua dei segni: il docente di informatica deve partire dalla comunicazione visiva cui deve prestare particolare attenzione, anche per le ulteriori difficoltà create dal fatto che la lingua dell'informatica non è l'italiano ma l'inglese. Grande cura deve mettere anche nella disposizione dell'aula e nelle proprie posture. Insieme, vanno studiati sistemi che rendano agevole la comprensione del testo che compare sul monitor. Per colmare la distanza che comunque resta è necessario che al docente si affianchi un insegnante di LIS che consenta di rafforzare quanto appreso.
Autore: Andrea Borri
Data: 2006
 
Si illustrano le connessioni tra la natura del linguaggio umano, la sua funzione cognitiva e le componenti "hardware" e "software" e dell'anima all' interno dell' evoluzione umana, a partire dallo studio delle patologie linguistiche. Tra il 1600 e l' 1800 si fronteggiano due partiti: il "naturale", che sostiene il metodo oralista, e "l' artificiale", che difende il tradizionale metodo segnico-manuale. Il modello proposto da quest' ultimo riconosce l' assoluta priorità del pensiero sul linguaggio e rafforza l' addestramento sintattico puntando al livello semiotico dell' educazione linguistica fondato su un impianto di tipo relazionale. Nel 1700, dopo un lungo periodo di predominio degli artificialisti, J. C. Amman propone un tipo di sintassi sinergica, basata sull' associazione tra parole invece che singole lettere, simile al metodo sinergico sfruttato dall' Intelligenza Artificiale contemporanea. Viene così messa in luce la limitatezza intrinseca del segno non vocale, dovuta al sovraccarico grammaticale e alla difficoltà procedurale nell' apprensione personalizzazione e concretizzazione degli apparati cognitivi. Nel '900, con O. Sacks e K. Goldstein, si ha la critica della neurologia meccanicistica e l'affermazione dal punto di vista olistico, mentre con R. Jakobson si indaga sulle afasie sintattiche e semantiche
Autore: Antonino Pennisi
Data: 1989
 
Si presentano i vantaggi del linguaggio informatico nell'educazione, particolarmente nel recupero cognitivo del ritardo mentale. Si ritiene, infatti, che il sistema scolastico possa migliorare la propria funzionalità proprio fondando l' insegnamento su metodologie analitiche di controllo, mediante l' uso di 'computer'. Ciò richiede agli insegnanti soltanto la conoscenza di alcuni principi di psicologia dell' apprendimento e di alcune regole di programmazione. Per il recupero dell' insufficienza mentale sono dunque necessari: a) un modello evolutivo di riferimento, di tipo cumulativo o interazionale; b) una accurata diagnosi che raccolga dati sulla storia e sul comportamento attuale del soggetto, e valuti le sue effettive abilità e conoscenze; c) un programma individualizzato: è soprattutto in questo terzo momento che l' insegnante - o l' educatore - può essere efficacemente affiancato dal 'computer', attraverso l' impiego di algoritmi di apprendimento. Questi permettono di impostare il problema, scomporre il compito in sequenze di operazioni elementari, strutturare e organizzare le unità didattiche in vista di determinati obiettivi. Inoltre, l'uso di algoritmi permette una visione 'standard' della situazione specifica, utilizzabile anche da operatori diversi ad un alto livello di oggettività. Viene presentato, a questo proposito, un esempio operativo di programmazione algoritmica progettato per un soggetto insufficiente mentale medio, il cui ritardo è per lo più dovuto a deficit di tipo ambientale. L' intervento si articola in un pacchetto di sei programmi, dettagliatamente descritti, con particolare attenzione alla struttura tecnica del diagramma di flusso e ai vari momenti del controllo e della verifica
 
In relazione alle persone con ritardo mentale le tecnologie informatiche possono essere di supporto agli educatori oppure possono aiutare direttamente le persone disabili ad accedere alle informazioni e a strutturare il proprio apprendimento. Dopo una definizione di ritardo mentale, le AA. indicano alcuni percorsi educativi che sfruttano l'uso dell'informatica per il raggiungimento di una maggiore autonomia e integrazione sociale. I percorsi educativi sono stati pensati sia per aree che per obiettivi da raggiungere e i software sono stati così raggruppati a seconda delle diverse aree di intervento.
 
Negli ultimi vent'anni la tecnologia informatica ha offerto un apporto considerevole all'autonomia dei soggetti non vedenti, introducendo e mettendo a loro disposizione strumenti sempre più validi e accessibili. L'uso di speciali dispositivi informatici applicati al personal computer permette di veicolare il messaggio attraverso canali sensoriali alternativi alla vista (tatto, udito), consentendo l'inserimento dell'individuo in ambito sociale, scolastico e lavorativo. Il presente articolo vuole delineare una panoramica delle potenzialità di tali ausilii ed una verifica del loro effettivo impatto nella vita delle persone non vedenti. In particolare si analizzano la funzione, i vantaggi ed i limiti dell'Optacon, della Barra Braille, della Stampante Braille, del Sintetizzatore vocale, del Lettore Ottico (Scanner), ma anche di sussidi ingranditori per ipovedenti. L'articolo inoltre riporta riferimenti a ricerche sull'apprendimento scolastico (scuola elementare e media), mediante ausilii informatici, ed indica le nuove prospettive professionali e culturali delineate dall'informatica per il non vedente.
 
E'ormai diffuso nelle scuole italiane l' uso dell' elaboratore elettronico come ausilio nell' attività didattica, ma un aspetto ancora oggi poco considerato e di cui mancano esperienze, è l' applicazione dell' informatica come soluzione al problema degli alunni portatori di handicap fisici. La barriera fisica rappresentata dalle difficoltà di movimento e di manipolazione porta con sè enormi difficoltà al pieno sviluppo delle potenzialità mentali dell' alunno handicappato. L' Istituto Tecnico Industriale "Vallardi" di Fossano, in collaborazione con il Provveditorato agli Studi di Cuneo e con le USL di Savignano e di Fossano, è riuscito ad ideare un progetto di intervento che si proponeva la realizzazione di un programma computerizzato per alunni portatori di handicap fisici. Nell' anno scolastico 1985-1986 si era posto il problema di un ragazzo disabile che affetto da distrofia muscolare aveva dovuto rinunciare agli studi regolari dopo aver frequentato normalmente le medie ed i primi due anni di liceo, così è stato ideato un programma per ragazzi disabili che rende possibile integrare in modo molto semplice, riducendo al minimo le procedure manuali, le difficoltà che essi hanno nell' espressione fisica e verbale. Questi ragazzi possono scrivere, introdurre contemporaneamente disegni, eseguire calcoli su una calcolatrice simbolica, muovere, manipolare, trasferire e memorizzare tutto ciò che si trova sullo schermo. Il nostro ragazzo si è finalmente sentito comegli "altri" e dopo undici anni di scuola è riuscito a fare i compiti da solo con l' utilizzo del computer. Il programma è a disposizione di chiunque ne farà richiesta presso l'Istituto "Vallardi" di Fossano; è scritto in linguaggio Basic e "gira" su sistemi operativi MS-DOS (Olivetti M24 e M28, IBM PC, ecc). Verrà fornito su dischetto senza protezioni, per poter permettere eventuali modifiche, completo di manuale. Sarà sufficiente da parte delle scuole far pervenire il materiale su cui registrare il programma ed accollarsi le spese postali
 
Forti dell'esperienza di formazione dei Campus di Informatica per l'Autonomia di San Marino, gli AA. illustrano il modo in cui l'informatica può diventare un supporto per le persone con dislessia e i loro educatori. Presentano strumenti, modalità didattiche e strategie utili ma sostengono che, per il raggiungimento dell'autonomia e l'acquisizione di un atteggiamento positivo verso l'apprendimento, sia fondamentale il ruolo degli educatori.
 
Non esistono molti studi che indaghino l'apprendimento in campo matematico degli studenti sordi. L'A. presenta alcuni risultati prodotti dalla ricerca internazionale per illustrare poi la sua indagine volta ad analizzare il ruolo rivestito da rappresentazioni grafiche, geometriche, iconiche e simboliche nell'apprendimento della matematica. L'obiettivo è quello di realizzare rappresentazioni digitali, dinamiche e interattive, basate sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. In particolare descrive il lavoro di ricerca che ha portato allo sviluppo del sistema Alnuset, progettato per favorire l'apprendimento in campo algebrico da parte di studenti sordi.
Autore: Giampaolo Chiappini
Data: 2007
 
Le AA. analizzano le problematiche legate all'apprendimento relative a studenti non vedenti o ipovedenti ed evidenziano i punti critici del percorso scolastico soprattutto nelle fasi iniziali legate alle disabilità di base quali lettura, scrittura e calcolo. Sottolineano quindi le possibilità che offre l'utilizzo del computer e danno diverse indicazioni sulle caratteristiche della postazione informatica e sui possibili software.
 



{TITLE_PGUIDATI}
{PGUIDATI_CONTENT}