handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



 

Bibliografia

L'uso del computer da parte del non vedente adulto è un fatto ormai acquisito, il sintetizzatore di voce Optacom (lettore elettronico che trasforma i caratteri visivi di scrittura in vibrazioni tattili), strumentazioni specifiche che trasformano i testi stampati in codice Braille (sistema di scrittura in rilievo) e corsi specifici consentono al non vedente di svolgere la professione di programmatore e di utilizzare il computer. Il Centro Tiflopedagogico dell' Istituto dei ciechi di Milano ha preso in esame un settore ancora inesplorato relativo all' uso del computer quale strumento di apprendimento del non vedente in età evolutiva. Obbiettivo della ricerca è l'individuazione di nuove possibilità grafo-tattili per il non vedente che permettono sia l' acquisizione e il rinforzo dei concetti topologici ed euclidei relativi alla rappresentazione dello spazio, sia la realizzazione immediata di produzioni grafo-tattili progettate dall' allievo non vedente o dall' insegnante e come tali quindi accessibili per verifica e discussione sia da vedenti che non. La ricerca si è svolta all' analisi approfondita del ruolo del tatto attivo nei processi di concettualizzazione della forma. La definizione degli spazi minimi e massimi leggibili tattilmente attraverso la mano e le mani ravvicinate, capacità del polpastrello di costituirsi lettore di forme, ci ha permesso di definire obiettivi cognitivi relativi all' organizzazione spaziale. La realizzazione attraverso il computer di rappresentazioni di forme e di dimensioni diverse, di forme semplici e complesse permette una circolarità immediata tra: rappresentazione mentale, codice verbale, linguaggio macchina, linguaggio grafico. Ma con i sistemi tradizionali in uso al non vedente è quasi possibile l'auto correzione invece attraverso il computer si potrà raggiungere la possibilità di modificare immediatamente una produzione, di scomporla in fasi successive e di mantenere sia le sequenze di un progetto sia la sintesi finale
 
L'A. sostiene che è possibile e utile proporre un laboratorio di video-immagine incentrato su obiettivi educativi, finalizzati a creare maggior dinamicità nel gruppo classe, privilegiando l'aspetto relazionale rispetto a quello scenico. Questo approccio può essere efficace per migliorare l'integrazione in classi con studenti con difficoltà comportamentali e sociali, dando a tutti l'opportunità di vedere se stessi e gli altri in modo diverso. Il video infatti dà la possibilità di rivisitare e reinterpretare l'immagine personale e sociale propria e degli altri, aprendo nuove opportunità di relazione. L'A. ritiene che se si riesce a portare il ragazzo difficile ad accettare la propria immagine e a giocare con essa allo scopo di costruire un personaggio e interpretare un ruolo, si può smuovere la rigidità del rapporto che egli ha con gli altri.
 
In questo articolo si mostra come alcuni studenti autistici abbiano manifestato abilità cognitive, di lettura, di scrittura e di calcolo del tutto insospettate grazie alla tecnica della comunicazione facilitata. Viene illustrata brevemente tale tecnica che prevede la presenza di un "facilitatore" che affianca il soggetto reggendogli l'avambraccio o la mano. Tale sostegno serve anche per aiutare a cominciare a scrivere e per trasmettere sostegno emozionale. Il facilitatore non interviene nella scelta delle lettere nè di altri elementi come immagini o forme geometriche e dovrebbe attenuare gradatamente il sostegno fisico. Vengono illustrati diversi esempi di applicazione di tale tecnica con bambini e ragazzi autistici a dimostrazione della sua efficacia.
 
La società dell'informazione e le nuove tecnologie che la caratterizzano hanno determinato la rivoluzione culturale che stiamo vivendo. Diventa allora indispensabile, come si fa in questo testo, analizzare le potenzialità delle diverse tecnologie e le metodologie da utilizzare per sviluppare prodotti capaci di far acquisire il sapere in modo critico. Indice: Dalla televisione alla multimedialità in rete, verso un modello di insegnamento-apprendimento a distanza integrato e aperto (Garito, Maria Amata). Ipermedia a scuola: effetti di apprendimento (Antinucci, Francesco; Natale, Francesco; Troise, Anna). Apprendere esplorando: sistemi multimediali per la costruzione della conoscenza (Cesareni, Donatella; Pontecorvo, Clotilde; Romanelli, Pietro). Strategie didattiche dentro la parola elettronica (Maragliano, Roberto; Penge, Stefano). Come usare le nuove tecnologie con i bambini sordi (Caselli, Maria Cristina; Pace, Claudia; Volterra Virginia). Problem solving aritmetico e tecnologie ipermediali: analisi di una sperimentazione con bambini sordi (Bottino, Maria Rosa; Buono, Elena; Chiappini, Giampaolo).
 



{TITLE_PGUIDATI}
{PGUIDATI_CONTENT}