handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



Preparazione dei materiali

Il computer può essere usato anche come strumento per l’insegnante, in particolare come aiuto per predisporre il materiale didattico alternativo di cui l’alunno cieco ha bisogno (stampe Braille, prodotti multimodali accessibili e disegni in rilievo).
E' indispensabile che tutti i testi forniti alla classe (esercizi, questionari, dispense supplementari..) siano forniti all'alunno cieco, o all'insegnante per il sostegno, in formato digitale, su supporto magnetico o via e-mail.
Soprattutto il materiale delle verifiche deve essere preparato per tempo e fornito all'alunno, o ad un insegnante referente, in formato adeguato.
Spesso non basta fornire la versione digitale di un testo, sia di verifica che di approfondimento, ma è necessario riadattarlo in modo che possa essere compreso anche attraverso le periferiche Braille. Un elenco di parole o numeri disposto su di un'unica riga è, ad esempio, molto più facile da consultare con il Display Braille di uno in colonna. Se un esercizio prevede delle prestazioni di tipo grafico (ad esempio: cerchiare una parola, collegare con una freccia un elemento ad un altro...) occorrerà adattarlo modificando la consegna o la modalità di presentazione. Eventualmente sostituire completamente gli esercizi che non sono accessibili con altri che consentono di verificare, in altro modo, le stesse competenze.
Attenzione in particolare alle tabelle, ai disegni, agli schemi, ai testi separati (note, didascalie, schede di approfondimento): tutti questi oggetti devono essere chiari e significativi anche se esaminati con una modalità di tipo sequenziale e con uno strumenti di lettura che consente l'accesso solo ad una riga per volta.
Sarebbe auspicabile che anche i libri di testo fossero consultabili attraverso il computer. Il testo in formato digitale è senza dubbio in possesso della casa editrice e, se il libro è fornito in Braille, anche di chi ha prodotto la copia trascritta. È di sicuro conveniente, prima di intraprendere un lungo e faticoso lavoro di acquisizione con lo Scanner, provare a chiedere la versione digitale a chi già ce l'ha.