handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



Introduzione

di Flavio Fogarolo e Iacopo Balocco

Una persona non vedente può usare il personal computer in completa autonomia; solo le attività strettamente connesse alla grafica (disegno, elaborazione di immagini..) gli sono realmente precluse.
Occorrono naturalmente degli ausili appositi che gli consentano di ricevere in modo diverso (tattile o sonoro) le informazioni che normalmente vengono trasmesse dallo schermo usando solo il canale visivo.
Altra condizione necessaria è una competenza di base: l'addestramento al computer è per un cieco assai più lungo e complesso che per un utente vedente, e questo è abbastanza evidente se si pensa che in gran parte la strategia usata in questi anni dai produttori di sistemi informatici per rendere più facile l'uso del computer e allargare quindi la potenziale utenza è basata sull'interfaccia grafica: icone, pulsanti, simboli, puntatori ecc...
Oltre l'attrezzatura e l'addestramento, un terzo fattore determinante è l'accessibilità del software o del documento: se l'applicazione informatica prevede unicamente la gestione attraverso il monitor, ad esempio facendo uso di immagini essenziali senza fornire una valida alternativa testuale, il cieco non sarà in grado di utilizzarla, anche se dotato di una eccellente attrezzatura speciale ed abile ed esperto nell'usarla.
Per un alunno cieco il computer è uno strumento importantissimo, e lo sarà sempre di più nella sua vita futura, sociale e lavorativa, perchè con esso potrà soddisfare gran parte dei suoi bisogni di informazione e conoscenza.