handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



“Radio Oltre”, sul web una nuova voce per ipovedenti

8/12/2008

Da gennaio sede attrezzata e nuovi programmi per la web radio dell’Istituto dei ciechi Cavazza di Bologna. Informazione e disabilità: le conclusioni dell’ultima giornata di Handimatica.
Si chiama “Radio Oltre”, e da gennaio crescerà e potenzierà le trasmissioni. La web radio dell’Istituto dei ciechi di Bologna “Francesco Cavazza” trasmetterà da un nuovo studio e arricchirà i programmi, iniziati in via sperimentale un anno e mezzo fa sul sito internet della radio www.radiooltre.it, dove è possibile ascoltare le trasmissioni in streaming, in diretta, oppure dal podcast, scaricandole dall’archivio. La redazione si sposterà in uno studio attrezzato professionalmente con una stanza di regia e due di registrazione, per trasmettere quotidianamente programmi di musica, cultura e informazione sulla disabilità e non solo.
La realtà delle web radio, che si ascoltano attraverso internet, è stata al centro di un incontro nella giornata conclusiva di “Handimatica”, la fiera sulle tecnologie per le disabilità tenutasi a Bologna da giovedì a sabato scorso. Il dibattito ha voluto fotografare la realtà in crescita delle radio on line come strumento di partecipazione delle persone con disabilità.
All’incontro di Handimatica ha partecipato anche Cristina Lasagni, direttrice della trasmissione “Psicoradio”, che va in onda ogni settimana sulle frequenze di Popolare Network e su quelle di Radio Città del capo, emittente bolognese. “Psicoradio” è realizzata da persone con disagio psichico ed è sia una trasmissione che un corso professionale per imparare a scrivere, condurre e dirigere un programma radiofonico. Francesco Levantini, presidente di Internettabile onlus, ha raccontato invece l’esperienza di “Pulsante radio web”, un’altra emittente che trasmette via internet. “Crediamo che questa tecnologia possa coinvolgere le persone con disabilità e aiutarle molto a partecipare e a condividere le loro esperienze”.
L'articolo completo su Redattore.Sociale.It >>