handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



Bologna, 800 disabili all'università

27/11/2008

Forte incremento sotto le due torri (nel 2000 poco più di un centinaio) degli studenti con problemi di mobilità, ciechi o sofferenti di dislessia. Gamberi (Asphi): ''Grazie alle nuove tecnologie grandi passi avanti''.
BOLOGNA - Sono ottocento i disabili iscritti all'Università di Bologna: gli ultimi dati forniti dal Servizio Disabili dell'ateneo bolognese parlano di un forte incremento sotto le due torri (nel 2000 erano poco più di un centinaio, 400 nel 2005) degli studenti in gran parte con problemi di mobilità, ciechi o sofferenti di dislessia. Un dato che viaggia di pari passo con l'adozione di nuovi strumenti informatici nelle aule attorno a piazza Verdi, ma che è anche segno di un cambiamento culturale: "E" solo all’università che per la prima volta molti giovani disabili sperimentano le loro esperienze di autonomia - racconta Nicola Gencarelli del progetto Alma Braille, che collabora con il Servizio Disabili dell’Università di Bologna -. Mentre il computer e le nuove tecnologie permettono oggi maggiore scambio e condivisione tra gli stessi studenti disabili…”. Anche di questo si parlerà a Handimatica 2008, la grande mostra-convegno dedicata alle tecnologie per l’integrazione delle persone con disabilità che aprirà i battenti a Bologna il 27 novembre prossimo al Palazzo dei Congressi. Oltre 100 espositori, convegni e seminari con esperti internazionali e tre aree tematiche per conoscere le novità della ricerca.
Organizzata dalla Fondazione Asphi onlus sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica, la mostra-convegno è dedicata quest’anno alle “Tecnologie per la qualità della vita” e in particolare all’adattamento dell’ambiente alla persona grazie agli strumenti e ai software che possono, o potranno a breve, favorire l’integrazione delle persone disabili nelle aule scolastiche e in quelle universitarie, al lavoro e nel tempo libero.
L'articolo completo su RedattoreSociale.It >>