handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



Da Bologna in Egitto per aiutare l'integrazione dei bambini disabili

5/11/2008

L'equipe Ausilioteca dell'Aias, con Cospe e associazione New Vision, ha dato vita a un progetto sulla promozione dei diritti dei minori disabili: nella cittadina egiziana di El Minya un centro per le autonomie e le tecnologie assistite.
Da Bologna a El Minya (in Egitto), e viceversa, per rafforzare l’integrazione sociale dei bambini disabili. E’ quanto sta facendo l’equipe Ausilioteca dell’Aias (Associazione italiana assistenza spastici) di Bologna, coinvolta, come consulente, in un programma di cooperazione allo sviluppo che vede da una parte il Cospe, una ong italiana con sede anche sotto le Due Torri, e dall’altra l’associazione New Vision di El Minya: entrambe le realtà sono impegnate in un progetto sulla promozione dei diritti e dell’inclusione sociale dei bambini disabili. E nell’ambito di questo progetto, finanziato con fondi europei e con risorse del governo egiziano, a El Minya (lungo il Nilo a duecentro chilometri da Il Cairo) proprio quest’anno è nato un centro per le autonomie e le tecnologie che aiutano a vivere.
(...)
Attualmente il centro di El Minya, attivo da febbraio 2008, si occupa di circa 350 bambini – “un numero altissimo”, commenta Hoogerwerf – attraverso attività ludiche ed educative specifiche per le disabilità di tipo sensoriale, motorio e cognitivo. Per i più grandi organizza corsi di computer e corsi di Braille. “Ma si cercano di valorizzare anche e soprattutto le soluzioni ‘fatte in casa’ e quelle a basso impatto tecnologico”, continua Hoogerwerf. Con i fondi del progetto l’associazione New Vision ha poi acquistato alcuni ausili e una stampante Braille che permette al centro di produrre materiali didattici per quelle poche scuole che accolgono alunni non vedenti. Infine, gli operatori si sono impegnati in un’attività di censimento dei bambini disabili, andando anche a casa delle famiglie egiziane, per entrare in contatto con loro, per informarle di quanto esiste e per sensibilizzarle rispetto al diritto di esigere servizi migliori per i propri figli.
L'articolo completo su RedattoreSociale >>