handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



SEZIONI INTERATTIVE

buone pratiche

Delia e la multimedialitÓ

Delia, alunna Down, figlia unica, iperprotetta, con genitori separati, non interagisce volentieri con il mondo esterno, nel nostro caso la scuola, persone comprese. Vive in un mondo fantastico, fatto di persone fantastiche ma anche reali (la sua famiglia), che evoca stando seduta sul pavimento e con i quali parla, gesticolando, come se fossero presenti. Non vuole dialogare, disegnare, giocare, modellare, rifiuta in modo particolare lo scrivere, non interagisce spontaneamente con i pari.

componenti elettronici Desidero premettere che per tutta la durata dell'intervento didattico non sono stati usati programmi specifici per alunni disabili, ma software di uso comune utilizzati in modalitÓ non convenzionali allo scopo di superare gli atteggiamenti di rifiuto e la scarsa motivazione della bambina nei riguardi del leggere, scrivere, disegnare, imparare "cose nuove", fermare l'attenzione, memorizzare, comunicare allo scopo di favorire il successo formativo. Si Ŕ fatto ricorso anche all'uso della telecamera, come "specchio dei comportamenti". Il rivedere le riprese, che scandivano e registravano i vari momenti della giornata scolastica, ha sortito in lei degli "effetti collaterali" sulla capacitÓ di comunicare. Delia, tramite il mezzo televisivo, approfittava per comunicare stati d'animo, paure e desideri. Inoltre, rivedendo se stessa come in uno specchio, "fuori di sÚ", ha modificato la tendenza a rimanere dentro quel mondo parallelo in cui si rifugiava in situazioni di stress o di rifiuto, prendendo sempre pi¨ coscienza di se stessa, della realtÓ esterna e dei propri vissuti. Parallellamente Ŕ stata pi¨ disponibile ad interagire con gli insegnanti e con i compagni di classe migliorando anche dal punto di vista dell'apprendimento scolastico. Ha imparato a leggere, scrivere con il computer (uso dei programmi Paint e Word) a contare e disegnare (MAC, software "Milly e la casetta dei numeri", "Sammy's Science House") a raccontare se stessa, orientandosi meglio nello spazio e nel tempo attraverso il montaggio video: lettura delle immagini, selezione, assemblaggio della "Storia personale" (software AVID CINEMA sistema MAC). In conclusione, ho cercato di coinvolgere l'alunna in un percorso comune di ricerca da spendere nella vita e nei rapporti con gli altri, in un clima relazionale fatto di comunicazione emotiva e scambio collaborativo, ho raccolto tutti gli elementi significativi per la costruzione di una "memoria storica" da socializzare alla famiglia dell'alunna.
psicologia della disabilitÓ
Disabilità: disabilitÓ cognitiva
Livello scolastico: scuola primaria - V anno
Scuola: DIR.DIDATTICA D.ALIGHIERI VALDERICE, VIA VALENTI, VALDERICE (TP)
Provincia: TP
Referente: per contattare il referente scrivere a handitecno@indire.it
Periodo: 1999 - 2001
Area educativa: orientamento e conoscenza di sÚ, strategie per l'apprendimento
Approfondimenti: