handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



SEZIONI INTERATTIVE

consulenze

Come si gestisce la permanenza prolungata nei vari ordini e gradi? E come continuità educativa?

La permanenza nella Scuola dell'Infanzia è legata all'assolvimento dell'obbligo scolastico. Normalmente si autorizza il trattenimento per un anno scolastico. Sta al Dirigente Scolastico, in accordo con gli insegnanti, i genitori, gli operatori sociosanitari, decidere sull'opportunità del prolungamento di un altro anno. A tal fine si consiglia la lettura della CM 5 settembre 1975, n. 235 che resta un riferimento in ordine alla Scuola dell'Infanzia. Diverso è per i successivi gradi. L'alunno disabile può frequentare la Scuola Secondaria di I grado fino al compimento del diciottesimo anno di età.
             La continuità educativa deve essere garantita attraverso l'assunzione di responsabilità da parte di tutti gli insegnanti. In ogni caso i riferimenti normativi non mancano per sostenere tale necessità.
       
            PER SAPERNE DI PIÙ
             http://www.edscuola.it/archivio/norme/circolari/cm235_75.htm
       
       
            Legge 5 febbraio 1992, n. 104, art. 14, comma c:
             c) a garantire la continuità educativa fra i diversi gradi di scuola, prevedendo forme obbligatorie di consultazione tra insegnanti del ciclo inferiore e del ciclo superiore ed il massimo sviluppo dell'esperienza scolastica della persona handicappata in tutti gli ordini e gradi di scuola, consentendo il completamento della scuola dell'obbligo anche sino al compimento del diciottesimo anno di età; nell'interesse dell'alunno, con deliberazione del collegio dei docenti, sentiti gli specialisti di cui all'articolo 4, secondo comma, lettera l), del decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1974, n. 416, su proposta del consiglio di classe o di interclasse, può essere consentita una terza ripetenza in singole classi. http://www.edscuola.it/archivio/norme/leggi/l104_92.html
             DPR 8 marzo 1999, n. 275, art. 7, comma 3 (Reti di scuole):
             L'accordo può prevedere lo scambio temporaneo di docenti, che liberamente vi consentono, fra le istituzioni che partecipano alla rete i cui docenti abbiano uno stato giuridico omogeneo. I docenti che accettano di essere impegnati in progetti che prevedono lo scambio rinunciano al trasferimento per la durata del loro impegno nei progetti stessi, con le modalità stabilite in sede di contrattazione collettiva. http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/1999/dpr275_99.rtf
             http://www.edscuola.it/archivio/norme/decreti/dm161192.html (DM 16 novembre 1992
Disabilità: tutte
Livello scolastico: tutti
Consulente: Giancarlo Onger
Anno: 2008
Tipologia: di base