handitecno

Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

logo Ministero della Pubblica Istruzione logo Agenzia Scuola
tutte le parole una almeno la frase esatta
 



SEZIONI INTERATTIVE

buone pratiche

Dal desiderio di fare la egittologa alla scoperta di nuovi mo(n)di di conoscenza

Come permettere ad una ragazza gravemente ipovedente e appassionata di Egittologia di affrontare le proprie difficoltà nell'utilizzo degli strumenti didattici e ausili informatici, grazie al coinvolgimento di tutta la rete educativa e l'attivazione di nuove strategie didattiche, fino ad ottenere un maggior livello di integrazione nel gruppo classe.

disegno egizio La studentessa, frequentante il secondo anno di un Liceo Classico, aveva difficoltà nelle materie specifiche di indirizzo. In particolare: per Greco aveva problemi di studio, versioni, scrittura e utilizzo dei testi cartacei e informatici in integrazione con gli ausili; in Geometria problemi nello svolgimento dei compiti, oltre che di visualizzazione e comprensione di concetti tipici; in Latino, Italiano, Storia, Geografia, Inglese, Storia dell'arte, Religione le era necessario un adattamento del materiale didattico rispetto alla minorazione visiva.

Da parte sua la studentessa rifiutava gli ausili informatici in classe e non accettava l'intervento del servizio educativo all'interno della scuola. Mostrava inoltre una scarsa motivazione nell'addestramento all'uso del PC e della sintesi vocale, mostrando un atteggiamento passivo e non collaborativo. Come strumenti didattici conosceva solo l'utilizzo del materiale cartaceo ingrandito e delle cassette audio.

La scuola e gli insegnanti non avevano esperienze pregresse con studenti disabili ed in particolare ipovedenti gravi.

Sono state adottate delle specifiche soluzioni tecniche nelle varie discipline. In Greco è stato introdotto l'uso e addestramento al font Platone con dimensione 50, grassetto; con questa tipologia grafica sono stati ingranditi sia nei file di videoscrittura che su carta la grammatica, gli esercizi e le verifiche. In  Geometria la procedura ha previsto una sovrapposizione di fogli trasparenti A4 su figure ingrandite. Per tutte le altre discipline, su file di videoscrittura e su carta sono stati adattati graficamente tutti i testi allo stile Tahoma 26, grassetto.

L'esperienza ha avuto più fasi operative. 
Da Novembre 2004 a Giugno 2005 c'è stato l'inserimento e lo scambio di informazioni fra scuola secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado, oltre all'attivazione della rete istituzionale (NPI, servizi sociali, APRI). Durante il primo anno scolastico presso il Liceo sono stati inoltre proposti alla studentessa i corsi di alfabetizzazione al greco, di sintesi vocale e di dattilografia.
All'inizio del secondo anno scolastico, da Settembre a Dicembre 2005 c'è stato il cablaggio dell'aula e il periodo di osservazione per la postazione PC in classe. Nello stesso periodo sono stati ricercati software specifici e realizzati i materiali didattici informatici; in particolare sono stati introdotti: Jaws, Loquendo, CD dizionari di italiano-inglese, italiano-latino e italiano-greco per ipovendenti, registrazioni e testi in word e pdf con font di greco Platone. La studentessa è stata addestrata alla conoscenza e utilizzo di tali materiali tramite il laboratorio di "sensibilizzazione alla disabilità visiva e agli ausili informatici per ipovedenti" previsto nel progetto accoglienza del POF.  Sono infine stati adattati i tempi delle verifiche.
Da gennaio a giugno 2006 è stato introdotto l'uso del pc per l'annotazione degli appunti e per le versioni di greco e lativo. In questa fase c'è stata una riduzione dei tempi di esecuzione delle verifiche.
Da settembre a dicembre 2006, all'inizio del terzo anno scolastico, è iniziato l'addestramento all'uso della sintesi vocale.

L'esperienza ha quindi avuto un esito positivo grazie al coordinamento tra la famiglia, i servizi del territorio e gli operatori scolastici; coordinamento che ha definito le modalità di svolgimento delle attività didattiche, rendendo la ragazza sempre più partecipe e protagonista di tutte le scelte. I risultati di questa esperienza sono facilmente riscontrabili non solo nell'aver permesso all'allieva di affrontare il proprio rifiuto verso gli strumenti informatici, ma anche nell'aver favorito una migliore integrazione nel gruppo classe.

psicologia della disabilità
modifica del setting scolastico
software (autoprodotti e commerciali) / accessibilità
Disabilità: disabilità visiva: ipovisione
Livello scolastico: scuola secondaria II grado - II anno
Scuola: C. CAVOUR, CORSO TASSONI,15, TORINO (TO)
Provincia: TO
Referente: per contattare il referente scrivere a handitecno@indire.it
Periodo: 2005
Area educativa: latino/greco
Approfondimenti: